CHAPTER IT-A

CHAPTER IT-B

CHAPTER IT-C

Nazionale 2019

Valpolicella!

Chapter IT C

Programma Provvisorio

Modulo D'iscrizione

 

Pregasi di inviare copia dell'iscrizione e dei bonifici ai seguenti indirizzi:
Emanuele Dal Dosso: e.daldosso@gmail.com
Alessandro Faita: alessandrofaita@yahoo.it

 

Da anni volevo visitare questo luogo incantevole della Renania Westfalia e la giusta occasione è arrivata con questo primo Raduno Internazionale Tedesco a cui partecipiamo noi del GWRRA IT-A. Per via del caldo asfissiante e umido che abbiamo avuto quest’estate ho cercato nei giorni precedenti di avere un refrigerio totale nelle alte montagne, quindi nell'affrontare il Passo del Rombo, dove dal versante Italiano faceva ancora caldo, mi ero messo in testa che nel versante Austriaco, in zona Solden, c'era l'albergo “AQUA DOME” con le piscine e scendendo infatti verso la pianura Austriaca già sentivo gli effetti del fresco per cui mi sono fermato 2 notti in quel albergo e ho finalmente riposato al fresco e dalle piscine! Ho proseguito poi per Francoforte dove resto 3 giorni e visito la città a piedi e gusto la cucina tedesca (di quelle buone) grazie alla garanzia di un ottimo ristorante che conosco e in cui ho già portato alcuni soci del nostro GWRRA che ancora hanno l’acquolina in bocca per quei piatti speciali….Da qui mi sono spostato per 2 giorni ad Aachen (Aquisgrana) dove ha vissuto il famoso Carlo Magno, con mio grande disappunto le foto sono state impossibili da fare in quanto era tutto in restauro e non mi piace fotografare cose con tramezzi che si vedono per le coperture dei lavori in corso, ma almeno ho potuto vedere il tesoro e lo scrigno di Carlo Magno. Senza quelle coperture il Duomo si capisce immediatamente che sarebbe veramente bello, costruito nel 1200 in stile Gotico ha una vetrata colorata di 1000 metri quadri…. Quanta pazienza e lavoro per fare quella vetrata! Siamo infine al 20 agosto, partendo da Aquisgrana noto la temperatura è di 9° (in giornata arriveremo sui 27°) e inizio ad entrare nella Foresta dell’Eifel , inizio a essere soddisfatto nell'attraversare questa bella foresta, veramente fitta, e spesso durante il tragitto mi veniva in mente che stavo attraversando strade come vediamo nei film della la Seconda Guerra Mondiale e mi immedesimavo in uno di quei soldati che pilotavano le moto…. Ma Gold Wing e non le BMW sidecar eh eh! Arrivo all’Hotel che avevo prenotato a Bad Munstereifel, un albergo al di fuori delle mura di questa cittadina molto carina e poi, scaricati i bagagli, mi dirigo a Mechernick per il nostro raduno ma mi manca qualcosa: i cartelli indicatori del raduno dove sono? Prima faccio un giro completo del paese e poi alla fine guardo la cartina pubblicitaria dove è stata riprodotta la foto del Castello di Burg Satzvey e fortunatamente il mio navigatore lo vede, come paese ma per me è uguale ed era a 8 Km di distanza…. Diciamo che se era a 500 metri non era un problema intravederlo ma 8 Km son tantini….Arrivato finalmente al paese intravedo i tetti del castello e ho trovato anche a occhio la strada giusta mentre incontro subito il nostro amico Jurgen, District Director Tedesco, che insieme ai suoi collaboratori mi aiutano all’iscrizione e sulla logistica del posto. Dopo aver parcheggiato la moto, scatto foto e visito il sito con l’idea che la Location è davvero meravigliosa per un raduno, infatti, nel cortile esterno del castello c'è una zona moderna, costruita in stile western, dove si svolgeva l’intrattenimento della festa e mi ero premunito di arrivare il primo giorno perché avevo fatto la preiscrizione allo “Spectaculum” dove poi nel programma della festa si diceva che avremmo visto la giostra dei Cavalieri. Alla festa durante la cena lo spettacolo era rappresentato da 2 ragazze che suonavano dei strumenti di corda e un flauto mentre veniva servita la cena tipica di quella zona e qui incontro anche il nostro Deputy Director Overseas, Dan Sanderovich insieme alla sua Rachel e, visto il suo recente incidente in America mentre si recava a Meeting di Reno, ci scambiamo qualche parola di simpatia e gli chiedo di salutarlo con la mano sinistra (Dan ha un tutor al braccio) ma da vero Biker ha riso per la mia battuta dandoci un “Cinque” con entrambe le mani destre! Purtroppo a causa dell’alta presenza dei tedeschi e Wingers Nordici, la gran maggioranza di loro è arrivata in camper con moto al traino, e questo, pur capendo la comodità di questa soluzione, mi fa storcere il naso! ma quel che mi ha dato maggiori problemi è stato che dappertutto (gestori di ristorante o di distributori di benzina) nessuno parlava Inglese ma solo il tedesco! Al raduno invece, grazie a noi motociclisti che per viaggio lo usiamo come seconda lingua, la lingua d'Albione fluiva imperterrita, isola felice! Il Venerdì arrivano Old Biker, lo Sceriffo del Montana e Riccardino accompagnati ovviamente dalle loro rispettive zavorrine, mi mandano un sms per chiedermi dove diamine fosse il raduno e, nello scambio di messaggi, mi dicono che son stati accompagnati dalla Polizei! E lì il dubbio mi assale: accompagnati perchè dispersi o per le prodezze di un certo smanettone ? (qualcuno che conosciamo bene) Non faccio nomi ma so che voi sapete di chi parlo! Dopo le loro iscrizioni e i rituali saluti e abbracci, un caffè e partenza per fare un giro fra italiani. La stessa sera OldBiker e io andiamo alla riunione dei Chapter Director indetta da Dan ma che poi viene annullata a causa del ritardo accumulato dai vari programmi in scaletta del comitato organizzatore e vengo invitato a cena a casa dei nostri Italiani dove ceniamo meglio che nel sito…. Non metto in discussione la cucina ma sappiamo bene che la cucina di casa nostra è tra le migliori d’Europa e nel mondo! Sabato optiamo di fare un altro giro per conto nostro e andiamo a visitare le vicinanze ma per me quel che è stato bello di tutto è vedere la Foresta con gli scorci dei Castelli che si incontravano strada facendo. Arrivando ad un lago, volevamo fare una piccola crociera con la nave ma purtroppo la nave faceva ritardo e alla fine ognuno ha ripreso la strada per andare all’appartamento o al sito dove ho anche vinto un premio alla Tombola e in questa occasione ho approfittato di salutare il nostro padrone di casa Jurgen che già mi annunciava che sarebbe venuto di nuovo in Italia per il nostro nazionale nel 2016. La domenica mattina, partendo dall’albergo, ho fatto una piccola deviazione percorrendo la foresta fino a Nurburg ( dove si trova il famoso circuito del Nurburgring) e la bellezza di questi luoghi mi ha talmente incantato da pensare che questo è un posto che meriterebbe una seconda occasione di visita se sai di passare da queste parti. Durante una sosta, facendo ricerche, ho scoperto tra l'altro che il famoso Gustave Eiffel (ideatore e costruttore della famosa Torre Parigina) era un tedesco il cui cognome era “Bönickhausen” ma essendo complicato da pronunciare, si fece chiamare Eiffel aggiungendo una Effe in più, ed è nato proprio a 15 km dal sito dove eravamo noi…. Peccato che al sito mancava il segnale per Internet sennò l’avrei potuto notare prima, ma questi sono i piccoli inconvenienti dei viaggi. Spero che non vi siete addormentati….. almeno ho scritto e non parlato troppo come dite voi….con un abbraccio dal vostro Ghost Rider!

Guarda lo SlideShow